Drake mette in mostra le meraviglie architettoniche della sua mega villa a Toronto nell'ANNUNCIO

Casa di Drake

La villa di Drake a Toronto è una meraviglia architettonica.

Drake ci sta portando all'interno della sua villa in un nuovo articolo di una rivista, e il peluche non inizia a calcolare il livello di lusso. Il rapper di Toronto Drake è tornato a casa in quarantena, ma a differenza di molti di noi, la sua umile dimora è tutt'altro che. Un recente articolo su Architectural Digest ha rivelato che Drake lo sta vivendo nella stravagante villa di Toronto.

Il maniero di Drake, che intende lasciare come monumento della sua eredità, si chiama The Embassy ed è stato progettato dall'architetto canadese Ferris Rafauli. È una proprietà di 50.000 piedi quadrati che offre tutti i servizi sontuosi che qualsiasi rapper multimilionario si sognerebbe di avere. Da una piscina coperta per rilassarsi a uno studio di registrazione musicale completamente arredato per tagliare fino a una camera da letto principale di 3.200 piedi quadrati per rilassarsi, il rapper 33enne non vuole niente in questo palazzo di pietra calcarea del 19° secolo. casa moderna ispirata. Questo non è stucco, vernice e oro finto. Non è quello che voleva Drake, e non è quello che faccio io, ha detto Rafauli ad Architectural Digest.



Altrove nella rivista, Drake ha spiegato l'eredità dietro la straordinaria proprietà. Poiché lo stavo costruendo nella mia città natale, volevo che la struttura rimanesse salda per 100 anni. Volevo che avesse una scala e una sensazione monumentali, ha detto il rapper di Toronto. Sarà una delle cose che mi lascerò alle spalle, quindi doveva essere senza tempo e forte.

Visualizza questo post su Instagram

@archdigest @ferrisrafauli

Un post condiviso dachampagne papi(@champagnepapi) l'8 aprile 2020 alle 4:16 PDT

Nella mega-casa di Drake, troverai anche un lampadario di cristallo molato a mano Metropolitan Swarovski di Lobmeyr, così come un pianoforte a coda Bösendorfer di Takashi Murakami, progettato nella grande sala. Il rapper ha parlato di più dell'ispirazione dietro il livello di lusso, affermando che è un lusso travolgente, ha detto. Quel messaggio viene trasmesso attraverso le dimensioni delle stanze, i materiali ei dettagli dei pavimenti e dei soffitti. Volevo assicurarmi che le persone potessero vedere il lavoro che ho svolto nel corso degli anni riflesso da ogni punto di vista.

Drake, ovviamente, ha altre proprietà, inclusa una villa a Hidden Hills, in California, ma è evidente che la sua casa a Toronto è molto speciale per lui. Penso che la casa dimostri che ho vera fiducia in me stesso per assumermi questo compito quando avevo solo 27 anni e portarlo a termine, il rapper ha detto alla rivista di occuparmi della lussuosa proprietà in giovane età. Penso anche che la casa dica che rimarrò per sempre solido nel luogo in cui sono nato, ha aggiunto Drizzy.

Toronto farà sempre parte della storia di Drake e questo monumento lo immortalerà. Dai un'occhiata al materiale sontuoso in Architectural Digest dal film di Drake.

Visualizza questo post su Instagram

Il mega artista di registrazione Drake (@champagnepapi) è tornato nella sua città natale di Toronto per piantare ancora una volta lì le radici, costruendo una cupola del piacere ultra-lussuosa di 50.000 piedi quadrati. Il maestoso maniero, come immaginato dal designer canadese @ferrisrafauli, è una meraviglia dell'artigianato del vecchio mondo, costruito con pietra calcarea, bronzo, legni esotici e altri materiali nobili. Poiché lo stavo costruendo nella mia città natale, volevo che la struttura rimanesse salda per 100 anni. Volevo che avesse una scala e una sensazione monumentali, dice Drake del suo progetto di passione. Sarà una delle cose che mi lascio alle spalle, quindi doveva essere senza tempo e forte, aggiunge. Dai un'occhiata alla nostra storia di copertina del numero di maggio tramite il link nel nostro profilo. Foto di @jasonschmidtstudio; testo di @mayer.rus; disegnato da @colinking; styling alla moda di @mellanysanchez

Un post condiviso daRiassunto architettonico(@archdigest) l'8 aprile 2020 alle 5:01 PDT

Top